Valle del Barocco in Sicilia cosa vedere

0

Alla scoperta delle città barocche della Sicilia

La parte sud-orientale della Sicilia è notta in tutto il mondo per le sue città barocche. Si tratta di un un gruppo di nove centri di origine medievale o pre-medievale : Caltagirone , Militello, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa, Ispica e Scicli .

Furono tutti ricostruiti in un unico stile tardo barocco dopo il terremoto del 1693 che li distrusse parzialmente o interamente.

Il barocco nella Val di Noto

L’interpretazione localizzata del barocco sei-settecentesco, fiorito in Italia e nel resto d’Europa, ha portato a una sorta di singolare barocco insulare che si è evoluto in modo omogeneo e coerente all’interno dell’area geograficamente circoscritta nell’antica Val di Noto .

Il barocco siciliano è caratterizzato dall’uso di elementi umani e vegetali , maschere e putti grotteschi , tipiche facciate convesse o concave , balconi sorretti da mensole e intricate balaustre in ferro battuto (anche sulle chiese!), scale esterne, e il uso di pietra lavica locale.

Barocco siciliano
Barocco siciliano

Si noti che le estremità dei balconi erano tipicamente arrotondate per accogliere le ampie gonne delle signore del XVIII secolo. Un’altra caratteristica molto tipica è il fatto che i campanili sono posti sulla facciata stessa della chiesa  invece che in un campanile separato.

I paesi del Val di Noto esistevano tutti in epoca medioevale o addirittura premedievale , spesso a partire da insediamento monastico e tipicamente espandendosi attorno ad un castello. Dopo il terremoto distruttivo alcuni di essi, come Militello , furono in parte abbandonati e ricostruiti in un altro luogo, mentre altri furono interamente ricostruiti nello stesso sito.

Anche se i paesi sono diventati famosi come i “ Borghi del Tardo Barocco della Val di Noto” non sono tutti ubicati nel territorio di Noto. In realtà, il Val di Noto è una denominazione storica di un’area che copriva la parte sud-orientale della Sicilia, comprendente la provincia di Ragusa , Siracusa e parti delle province di Catania , Enna e Caltanissetta .

Qui i turisti non mancano mai in nessuno parte dell’ anno, la ricettività è buona con guest house economiche, piccoli alberghi, boutique hotel, ma anche resort di prestigio con spa, per la lista vedi: https://www.weekend-benessere.org/i-miglior-hotel-con-centro-benessere-e-spa-della-sicilia/

Noto, città della Infiorata, amata anche per il mare

Noto, tra le altre cose, è conosciuta a livello internazionale soprattutto per l’annuale concorso Infiorata di Noto, durante il quale una ripida strada appena fuori Corso Vittorio Emanuele viene trasformata in un tappeto-mosaico floreale decorato con milioni di petali di fiori dai partecipanti, a ciascuno dei quali viene assegnata una piccola porzione di strada per mostrare le loro abilità decorative. L’evento attira migliaia di turisti durante il terzo fine settimana di maggio.

Con la sua onnipresente pietra di tufo color miele, la città di Noto è conosciuta come il “Giardino di Pietra”. Immersi nella luce del sole tutto il giorno, i suoi edifici sembrano spettacolari castelli di sabbia. Gli architetti Vincenzo Sinatra e Rosario Gagliardi fece molti lavori in tutta la Val di Noto. Uno dei capolavori di Gagliardi è la maestosa Cattedrale di San Giorgio a Ragusa Ibla.

Divenne il modello per la ricostruzione in tutta la parte sud-orientale della Sicilia. Un altro influente architetto fu Giovanni Battista Vaccarini che operò principalmente a Catania, ricostruendo la Cattedrale di Sant’Agata su quello che in origine era un sito romano. Il Palazzo Biscari, il più importante di Catania, ha impiegato 100 anni per ricostruire dopo il terremoto.

Se volete godervi il mare c’è LIDO di Noto a una distanza di circa 8 km.  La spiaggia di sabbia dorata si adagia su un mare cristallino e calmo , adatto per una nuotata e per prendere il sole . La spiaggia ha sia sezioni organizzate che non organizzate/pubbliche. 

Ragusa, una delle città barocche

Ragusa è una delle città più affascinanti della Sicilia. Adagiata tra picchi rocciosi, è un paese con due anime. Sulla sommità della collina si trova Ragusa Superiore, vivace cittadina con tutti i segni di un moderno capoluogo di provincia, mentre più in basso nella collina si trova il centro storico di Ragusa Ibla, una zona in pendenza di vicoli intricati, case in pietra grigia e chiese barocche su belle piazze.

Il centro storico di Ragusa Ibla è uno dei meglio conservati della Sicilia ed è assolutamente magnifico.

Ragusa Ibla
Ragusa Ibla

Una delle città barocche della Sicilia sud-orientale dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, Ragusa fu distrutta, come gli altri sette comuni del Val di Noto, dal terribile terremoto del 1693, che furono poi ricostruiti sopra o accanto a centri esistenti al momento del terremoto.

Insieme, rappresentano una notevole impresa collettiva, portata avanti con successo ad un alto livello di realizzazione architettonica e artistica. Mantenendo lo stile tardo barocco dell’epoca, rappresentano anche innovazioni distintive nell’urbanistica e nell’edilizia urbana.

Il Duomo di San Giorgio è il cuore di Ibla.

Raggiungibile da Corso Umberto tramite un’elegante scalinata di 260 gradini, la chiesa presenta una magnifica cupola che domina la città. L’interno comprende dipinti storici, portici in legno, sculture, argenti antichi, un magnifico organo a canne del XVIII secolo perfettamente funzionante e una meridiana del XIX secolo con i 12 simboli dello zodiaco.

Nel 2002 l’intera Val di Noto, compresi i comuni di Noto, Modica, Ragusa, Scicli e Catania, è stata nominato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Comments are closed.